Dal web

Esercitazioni annunciate o a sorpresa

Le prove di evacuazione devono essere programmate o rigorosamente a sorpresa?

Interessante intervento di Antonio Zuliani sulle prove di evacuazione anzi sull’opportunità di fare le esercitazioni a sorpresa oppure annunciarle e programmarle. Antonio Zuliani con la sua notevole e qualificata esperienza afferma che possiamo fare anche esercitazioni di emergenza e prove di evacuazione annunciate, programmate.

In tal caso occorre salvaguardare alcuni elementi che garantiscano efficacia alle citate prove.

1 – uscire dalla logica della singola esercitazione e definire un Piano di esercitazioni che focalizzi i vari aspetti del Piano di emergenza

2 – introdurre delle variazioni di scenario come un malore di un soccorritore, attrezzatura che non funziona a dovere , la rottura della catena di comando

3 – predisporre un progetto di osservazione per intercettare e definire cosa accade durante la prova e l’esercitazione, acquisendo dati da elaborare in modo adeguato successivamente.

Finalmente l’esercitazione di emergenza o la prova di evacuazione diventano strumenti affidabili e non più stanchi rituali per adempiere noiosi obblighi.

About the author

Francesco Cuccuini

Sono un consulente e formatore sulla sicurezza sul lavoro in ambito scuola e abito a Firenze

Con Piani di emergenza per la scuola cerco di #faregiro, di conoscere persone e colleghi nuovi, possibilmente da cui imparare qualcosa

Con Piani di emergenza per la scuola gradisco condividere riflessioni, considerazioni, contenuti qualificati dall'esperienza ventennale acquisita come operatore della sicurezza nella scuola

Prodotti e servizi qualificati per i Datori di Lavoro della scuola, per gli operatori della scuola, per i colleghi operatori della sicurezza nella scuola

Cordiali saluti
Francesco Cuccuini

Leave a Comment

ISCRIVITI

Iscriviti alla newsletter.
Riceverai un avviso ad ogni uscita dei manuali.

Aspetto la tua iscrizione
Email
Nome
Cognome
Secure and Spam free...